Get Adobe Flash player


Con il termine endodonzia si intende quella branca dell'odontoiatria che si occupa della terapia dell'endodonto, ovvero lo spazio all'interno dell'elemento dentario, che contiene la polpa dentaria. Si ricorre alla terapia endodontica qualora una lesione, cariosa o traumatica determini una alterazione irreversibile del tessuto pulpare, fino alla necrosi stessa. È possibile inoltre ricorrere a questa metodica qualora l'elemento dentario debba essere coinvolto in riabilitazioni protesiche.

Verrà sempre utilizzata la diga di gomma per garantire non solo la sicurezza del paziente, ma molto importante, l'igiene e l'asepsi durante la detersione del canale e l'otturazione dello stesso. In alcuni casi è necessario reintervenire a distanza di anni su alcuni denti trattati per migliorare la chiusura del canale che potrebbe essersi alterata. Per eseguire correttamente il trattamento si rendono necessarie alcune radiografie assolutamente innocue in quanto vengono prese tutte le precauzioni indispensabili a garantire il paziente. Questo trattamento viene eseguito a volte in un'unica seduta, a volte in più sedute, a seconda delle necessita operative.

Un trattamento endodontico è costituito essenzialmente da tre fasi:

  • Lo svuotamento completo del contenuto dei canali delle radici.
  • Il loro riempimento tridimensionale mediante un cemento e un materiale plastico riscaldato.
  • L'otturazione della cavità di accesso ai canali.